Nuovo problema per gli F-35, ci sono anche quelli per Italia

New York, 17 set. (askanews) – I problemi del cacciabombardiere F-35 non sembrano finire mai. E in qualche modo chiamano in causa anche l’Italia. Un mese e mezzo fa il primo squadrone era stato giudicato pronto per il combattimento, ma ieri l’Aeronautica militare Usa ha portato a terra 15 jet. Il motivo: il materiale di isolamento del sistema di raffreddamento all’interno del loro serbatoio “si spela e si sbriciola”. Si tratta dunque di un nuovo passo indietro per il programma più costoso nella storia del Pentagono e caratterizzato da anni di ritardi e spese ad esso associate sempre più elevati. Non a caso l’F-35 è stato ribattezzato come “il jet che odia il Pentagono”.

Il problema – scoperto sulla versione A dell’aereo, quella a decollo e atterraggio convenzionale – chiama in causa un totale di 57 caccia: 15 già in azione e 42 in produzione a Fort Worth, Texas. Nel primo caso 10 sono in Utah, uno in Nevada e quattro in Arizona; di questi ultimi, due appartengono alla Norvegia.

Nel secondo caso, spiega un comunicato dell’Air Force, appartengono agli Usa e 14 a nazioni estere senza però specificare quali. Un portavoce del programma F-35 sentito da AskaNews ha precisato che si tratta di Italia, Giappone e Israele.

Leggi l’articolo completo, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento