L’obiezione di coscienza – Le origini

Italia, febbraio 1965. L’obiezione di coscienza – cioè il rifiuto, per motivi religiosi o morali, di svolgere il servizio militare – è considerata un reato: per la legge dello Stato il servizio di leva è obbligatorio. Ma l’obiezione cresce, la coscienza non riconosce altri tribunali che il proprio; di fronte a ciò, i cappellani militari in congedo della Toscana insorgono: in una lettera del 12 febbraio a “La Nazione” scrivono che la scelta di obiettare non ha niente a che fare con il cristianesimo e che si tratta di mera viltà.

Il messaggio è chiaro: non si può essere buoni cristiani in Italia – nell’Italia del Vaticano e della DC, quella delle radici cristiane e dei crocifissi nelle aule scolastiche – se non si è disposti a uccidere qualcuno. L’obiezione di coscienza viene da loro presentata come addirittura “estranea al comandamento dell’amore”. Ma nessuno si sofferma sulla contraddizione, sull’inconciliabilità della stessa idea di milizia e gli evangelici “Porgi l’altra guancia” e “Riponi la spada nel fodero, perché chi di spada ferisce, di spada perirà”;

e poiché di voci autorevoli a favore della nonviolenza non se ne levano, l’unico ad alzarsi in piedi è il prete di una piccola parrocchia di campagna, don Lorenzo Milani, il quale sostiene che l’obiezione di coscienza – già praticata dai primi cristiani, molti dei quali protomartiri del potere di Roma – è non solo perfettamente comprensibile da parte di un cristiano, ma ovvia: il quinto comandamento – come dire – vale per tutti.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento