Il citofono e Salvini. L’Arma indaga sulla presunta complicità di un maresciallo?

Non si placano le polemiche dopo la citofonata del leader della Lega Matteo Salvini. L’azione del “Capitano”  sarebbe una diretta conseguenza del post di Anna Maria Biagini, la stessa donna che che secondo “Nextquotidiano” avrebbe sostenuto di essere stata avvisata per tempo della visita di Salvini da un maresciallo dei carabinieri :



La signora  Anna Maria Biagini avrebbe rivelato di essere stata avvertita dallo staff della Lega dell’arrivo imminente di Salvini, ma non solo : «martedì ho ricevuto una telefonata dal maresciallo dei Carabinieri» – si apprende da nextquotidiano – che mi ha detto che sarei stata avvisata del suo arrivo da un collaboratore di Salvini. Si fidava ciecamente di me perché sapeva che ho tutto in mano sulla situazione dello spaccio in quartiere, foto e prove».

La dichiarazione della donna pare abbia indotto l’Arma ad avviare un’indagine al fine di rintracciare il carabiniere che l’ha contattata,  probabilmente per chiedergli a quale titolo un militare dell’Arma è intervenuto in un’operazione di propaganda elettorale.





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

loading…



Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento