Giustizia militare, il costoso sistema che schiva i tagli

Un proprio organo di autogoverno, stipendi e status equiparati ai magistrati ordinari e una mole di lavoro che, in tempo di pace e senza leva obbligatoria, è contenuta.

È la giustizia militare, definita una “Casta nella Casta”, alle prese con un’organizzazione che la politica vorrebbe riformare, soprattutto con un ulteriore dimagrimento di spese e un maggiore avvicinamento alla giustizia ordinaria.
Motivo? Pochi procedimenti, ampie strutture.

COMPITI LIMITATI. I tribunali militari in tempo di guerra hanno la giurisdizione stabilita dalla legge.
In tempo di pace hanno giurisdizione per i reati militari commessi da appartenenti alle forze armate.
È quanto dispone la Costituzione per la “giustizia con le stellette”.
C’è da dire che nel tempo sono intervenute importanti riforme, nel 1981, nel 2007-2008 e nel 2010, che ne hanno modificato il volto e ridotto i numeri, ma non le attenzioni di chi vorrebbe ulteriori tagli.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento