FI: interpellanza al Ministro dell’Interno sui fatti di contrabbando sulla nave della marina Militare

I deputati di Forza Italia Savino, D’Attis, Labriola e Sisto hanno presentato una interpellanza parlamentare al Ministro dell’Interno circa i fatti di contrabbando occorsi su una nave della Marina Militare italiana.

“In data 11 maggio 2020 – sostengono i parlamentari di Forza Italia – la Guardia di finanza di Brindisi ha sottoposto ad arresti domiciliari cinque persone e ne ha sottoposta una all’obbligo di dimora; tra le persone coinvolte ci sono 5 militari della Marina militare italiana e un ufficiale della guardia costiera libica; le indagini sono state condotte dal nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Brindisi; l’ordinanza è stata emessa dal Gip del tribunale di Brindisi”.



“Abbiamo presentato una interpellanza al Ministro dell’interno, al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale ed al Ministro della difesa per sapere come sia possibile che una nave della Marina militare italiana, che doveva pattugliare le coste e impedire l’immigrazione irregolare, sia stata usata per gli scopi illeciti;

se i Ministri interpellati siano a conoscenza di altri episodi simili che hanno visto motovedette italiane cedute alle autorità libiche per il controllo dei flussi migratori utilizzate invece per fini illeciti;↓



quante motovedette siano state cedute dall’Italia alla Libia per il controllo dei flussi migratori; se e come le autorità libiche riferiscano alle autorità italiane circa l’utilizzo effettivo e i risultati ottenuti da tali motovedette per il controllo dei flussi migratori;

se e quali autorità italiane, militari, politiche e amministrative siano preposte a supervisionare l’operato delle motovedette italiane cedute alla Libia per contrastare l’immigrazione illegale nel nostro Paese; se e quanto personale italiano sia stato impiegato per istruire il personale libico nell’utilizzo delle motovedette italiane cedute alla Libia”.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento