Caporale dell’Esercito evitò una strage in caserma -15000€ e vittima terrorismo”

Milano, 21 ottobre 2016 – Quella mattina del 12 ottobre 2009 si ritrovò a indossare i panni dell’eroe quasi per caso.

Era lui di servizio all’entrata della caserma Santa Barbara quando si presentò all’ingresso il terrorista libico Mohamed Game, determinato a far deflagrare un ordigno rudimentale all’interno della struttura militare di piazzale Perrucchetti. Il caporale dell’Esercito Guido Laveneziana (nella foto), all’epoca ventenne appena arruolato, non ci pensò due volte e si parò davanti al kamikaze evitando una strage.

La bomba artigianale esplose: il caporale brindisino fu lievemente colpito da una scheggia; Game, poi condannato dalla Corte d’assise d’appello a 14 anni di carcere per quell’attentato, subì l’amputazione della mano destra e irreversibili lesioni agli occhi.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento