ESERCITO. SINDACATO SIAMO: INCONTRO MOLTO SODDISFACENTE CON CAPO SME “A ROMA PROBLEMI ALLOGGI PER MILITARI. DA GEN. FARINA RISPOSTE IN TEMPO REALE”

Roma, 9 set. – Il Presidente Nazionale del sindacato ‘Siamo Esercito’, Silvestro Attanucci, il Segretario nazionale Davide Delcuratolo e il Portavoce Antonello Arabia, come delegazione di rappresentanza del sindacato, hanno incontrato ieri il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata, Salvatore Farina.

Un incontro che il sindacato definisce “estremamente soddisfacente e di fattiva collaborazione. Auspicio del direttivo del SIAMO Esercito e’ riuscire presto ad incontrare il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini e la Presidente della commissione Difesa del Senato Roberta Pinotti, con lo stesso spirito di fattiva collaborazione, per poter discutere, tra le altre, anche la questione della proposta di legge sui sindacati militari”.

 “L’incontro- di cui il sindacato riferisce in una nota- e’ durato circa 1 ora e si e’ svolto in un clima collaborativo e di sereno confronto, e ha consentito ai rappresentanti del SIAMO di sottoporre all’attenzione del Generale Farina alcuni argomenti di rilievo quali: l’operazione ‘Strade Sicure’, la genitorialita’, gli alloggi e la stabilizzazione dei volontari e degli ufficiali in ferma prefissata”.    

Nell’ambito dell’operazione Strade Sicure, “sono stati apprezzati i risultati conseguiti dalla Forza Armata, atteso che, ai nostri 7.500 militari impegnati per la sicurezza Paese, sono remunerate le 40 ore di straordinario rispetto alle 14,5 ristorate negli anni scorsi. Inoltre e’ stata evidenziata, cosi’ come richiesto da molti iscritti, la possibilita’ di riportare la durata dell’impiego del personale a turni di 90 giorni rispetto ai 180 odierni”.    

Continua il comunicato: “Per quanto riguarda la tematica alloggi e’ stato confermato l’interesse per il progetto ‘Caserme Verdi’ e a questo progetto virtuoso, e’ stato chiesto di associare la tematica del trasferimento dei reparti al Sud, connessa a quella piu’ ampia dei ricongiungimenti familiari.

Forte preoccupazione e’ stata manifestata per il quadro immobiliare corrente sugli alloggi per le famiglie, dal momento che la disponibilita’ numerica mal si coniuga con il personale che effettivamente ne ha bisogno.

Tale situazione, risulta peraltro estremamente deficitaria, ad esempio, nella sede di Roma, dove centinaia di alloggi rimangono vuoti pur che richiedendo interventi minimi di manutenzione per la loro successiva assegnazione”.

– Altro tema oggetto dell’incontro e tra i punti di lavoro del sindacato “la stabilizzazione del personale in ferma prefissata, argomento prioritario e debito d’onore per tutti, e’ stata evidenziato, tra l’altro, l’incombente rischio per la 1a e la 2a immissione dell’anno 2013 per i quali, il relativo 2° concorso straordinario ha previsto rispettivamente per ciascuna immissione solo 53 posti”.    

Con la professionalizzazione nelle Forze armate, “il tema della genitorialita’ ha assunto nel tempo un aspetto di particolare importanza, tale ad innestare, norme a tutela della genitorialita’; come ad esempio la non sovrapposizione completa dell’orario di servizio. Norma che trova applicazione per gli appartenenti del comparto Difesa e Sicurezza, e’ stato chiesto pertanto un intervento normativo che consenta di estendere tale trattamento anche ai coniugi appartenenti al pubblico impiego”.    Continua la nota:

“A causa delle forti criticita’ ed incertezze derivanti dalla riapertura scolastica e’ stato chiesto di poter adottare un orario flessibile per motivi personali o di forme diversificate di lavoro, garantendo la conciliazione connessa alle esigenze casa/lavoro”.    Riferisce ancora il sindacato:

“Il Generale Farina, ringraziando per le istanze presentate, ha voluto fornire in tempo reale alcune risposte ai quesiti posti, confermando per quanto riguarda il servizio di Strade Sicure, la soddisfazione per il risultato conseguito, auspicando ulteriori interventi per migliorare la condizione anche economica del personale ed un reiterato intervento per garantire un servizio piu’ dinamico.  

 Sul progetto Caserme Verdi e’ stato evidenziato l’inizio dei lavori in infrastrutture della Cecchignola e a breve anche in Sicilia, confermando lo sforzo messo in campo nell’ultimo periodo con le sedi di Persano, Lecce e Cagliari in un’ottica di ricollocazione dei reparti al sud.    

Per quanto concerne gli alloggi per le famiglie il Capo di Stato Maggiore ha fatto sapere dell’intenzione di ristrutturare entro l’anno 400 alloggi, cio’ nell’ambito di in un piano quinquennale che prevede la ristrutturazione di circa 2500 alloggi.

Inoltre, sono state fornite delle ampie rassicurazioni per i nostri volontari in ferma prefissata quadriennale appartenenti ai blocchi 2013 che vedranno a breve la loro stabilizzazione, con l’emanazione da parte della Direzione Generale per il Personale Militare, dei relativi bandi di concorso. Rassicurazioni giungono anche per le famiglie in vista dell’imminente riapertura scolastica.

Lo Stato Maggiore infatti, sta valutando l’adozione di strumenti quali ad esempio l’orario flessibile, mentre si attendono interventi legislativi di maggior importanza durante il prossimo veicolo governativo. Dunque- conclude SIAMO Esercito- e’ stato un incontro estremamente soddisfacente, auspicabilmente nel segno di una reciproca, permanente e fattiva collaborazione, nell’interesse del personale e in quello dell’Istituzione”.

Loading…






Condivisione

Lascia un commento