Creano gruppo Whatsapp per segnalare posti di blocco: 23 denunciati

Un gruppo WhatsApp con 300 membri denominato “Posti di Blocco”, convinti di poterla fare franca segnalando i controlli nell’ astigiano. In 23 dovranno vedersela con la giustizia


Avevano creato un gruppo WhatsApp con circa 300 membri, tutti sparsi nella provincia astigiana. Nella chat venivano segnalati i posti di blocco delle Forze dell’Ordine. L’accesso  al gruppo era possibile solo su invito dei promotori e dei partecipanti. Una volta dentro, si  veniva informati in tempo reale dei luoghi dove stazionavano le pattuglie. In questo modo tutti i membri riuscivano ad evitare di essere sottoposti ad un eventuale controllo.

A far scattare gli accertamenti  è stato un utente “pentito” del gruppo , che si è recato alla stazione dei carabinieri  più vicina e ha fatto presente quanto stava accadendo.

I militari di Mombercelli hanno rintracciato e denunciato  23 persone, tutte di giovane età,  per interruzione di pubblico servizio in concorso. Per un simile reato, ovvero l’interruzione di un pubblico servizio , l’articolo 340 del Codice penale prevede la reclusione fino ad un anno. La pena sale fino a cinque se si è «capi, promotori od organizzatori»





loading…


Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento