Covid-19: forze dell’ordine vessate da uso improprio dei social. Interrogazione parlamentare

Il personale delle forze dell’ordine talvolta viene contestato e ripreso in video durante l’effettuazione dei controlli causati  dall’emergenza “coronavirus“. Questo fenomeno di intimidazione nei confronti delle Forze di Polizia, Arma dei carabinieri e Guardia di Finanza e talvolta perfino l’Esercito , potrebbero indurre dubbi sulla legittimità degli atti compiuti, creando imbarazzo sul corretto operato del “personale in divisa”. La senatrice Tatjana Rojc ha quinti interrogato il ministro dell’Interno Lamorgese.



“Attraverso una interrogazione urgente, ho sollecitato la ministra dell’Interno Lamorgese per un intervento che impedisca la diffusione su profili Fb e su Tv locali e nazionali di video e foto che intimidiscono Carabinieri, Polizia di Stato e altri rappresentanti le forze dell’ordine che svolgono i normali controlli previsti dall’attuale situazione di emergenza sanitaria“.

Cosi la senatrice del Pd Tatjana Rojc, che è componente della commissione Difesa a Palazzo Madama, dopo aver ricevuto numerose segnalazioni da parte di rappresentanti delle forze dell’ordine “vessati” da un uso improprio dei social.

Nel testo dell’interrogazione si legge che “cittadini fermati per regolari controlli, filmano e/o fotografano, con i propri telefonini, gli agenti mentre compiono regolari atti del loro Ufficio, quali chiedere documenti o redigere verbali dopo aver riscontrato eventuali irregolarità e che vengono successivamente postati sui social delle persone fermate allo scopo di ottenere condivisioni o adesioni”.

“In piu casi – prosegue Rojc – questi filmati ‘amatoriali’ vengono inopinatamente utilizzati dalle Tv-radio locali e nazionali, che oltre a diffondere immagini con contenuto manipolato, fanno sorgere dubbi sulla legittimità degli atti compiuti, creando imbarazzo sul corretto operato del personale in divisa”.

“Lo scopo – spiega la senatrice del Pd – è  intimidire gli stessi agenti e mettere in cattiva luce l’operato delle forze dell’ordine”. Rojc precisa che “i cittadini fermati adducono inesistenti violazioni dei diritti fondamentali dell’uomo, citando articoli e atti sbagliati e riferimenti non confermati ed è oltremodo riscontrabile che i cittadini fermati mantengano un atteggiamento di sfida nei confronti degli agenti, cercando in tutti i modi di intimorirli e anche di ridicolizzare chi invece sta svolgendo con serietà il proprio lavoro”.



“Inoltre – prosegue il testo dell’interrogazione –  vengono ripresi e fotografati anche i verbali dove figurano le generalità degli agenti operanti al fine di innescare vere e proprie campagne d’odio senza che gli interessati possano, come è noto, in alcun modo replicare”.

Da qui la richiesta della parlamentare del Pd al ministro dell’Interno di “impedire tale pubblicazione anche perché i comportamenti di questi cittadini generano una comprensibile situazione di incertezza e mancata sicurezza nell’operato degli agenti, quando sarebbe invece auspicabile che tali funzioni si svolgessero in un clima di fiducia e rispetto reciproco con il cittadino”.

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Fonte articolo QUI
Loading…





Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento