https://banchedati.corteconti.it/documentDetail/PUGLIA/SENTENZA/207/2020

Arretrati pensione corpi di Polizia:Interrogazione parlamentare

Proponiamo l’interrogazione parlamentare pubblicata il 21 aprile 2022, nella seduta n. 426 , presentata dai senatori Pacifico e Causin (CI), inerente  gli arretrati sulle pensioni non riconosciuti al personale dei corpi di polizia.

PACIFICO , CAUSIN – Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e dell’interno. –

Premesso che:

la Corte dei conti, a sezioni riunite, in sede giurisdizionale, nel 2021, ha riconosciuto per gli appartenenti alle forze di polizia ad ordinamento civile, il medesimo trattamento pensionistico riservato alle forze armate e forze dell’ordine ad ordinamento militare, sancendo che la quota retributiva del 2,44 per cento vada estesa a tutti gli appartenenti al comparto sicurezza e difesa;

il Governo ed il Parlamento con la legge di bilancio per il 2022 (legge n. 234 del 2021), nell’art. 1, comma 101, attraverso le relazioni allegate, hanno previsto e codificato le spese da sostenere per gli anni futuri e quelle per sanare gli anni passati, riconoscendo le sperequazioni avvenute;

considerato che:

nonostante le chiare indicazioni legislative, l’INPS, con propria circolare, ha inteso superare la novella legislativa, procedendo all’adeguamento pensionistico per gli ex appartenenti alla Polizia di Stato e Polizia penitenziaria, riconoscendo il beneficio solo a partire da gennaio 2022, non riconoscendo gli arretrati degli ultimi 5 anni stabiliti e liquidati alle forze armate e di polizia ad ordinamento militare;

la sperequazione, contraria ai principi costituzionali, nonostante, la giusta correzione imposta dal Parlamento, ad oggi continua a perpetuarsi, anche se parzialmente,

si chiede di sapere quali iniziative il Ministro in indirizzo intenda prendere per sanare la sperequazione descritta.

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento