Uranio impoverito, riconosciuta la pensione ad un ex caporale del Vibonese

Il militare, in servizio in Kosovo, aveva contratto un linfoma contro il quale ancora combatte. Decisiva la sentenza d’Appello della Corte dei Conti

La Corte dei Conti Centrale d’Appello di Roma ha messo finalmente la parola fine ad una vicenda che risale a molti anni addietro. Protagonista, suo malgrado, un ex caporal maggiore, di 38 anni, originario di Filadelfia, nel Vibonese. Il giovanevenne assegnato in Albania, ma con operatività nel Kosovo e lì si ammalò del linfoma di Hodgkin, contro il quale ancora combatte.

La causa della grave patologia contratta è stato accertato che fu l’uranio impoverito. Così la Corte dei Conti, con una sentenza storica per la nostra regione, gli ha garantito il diritto alla pensione privilegiata per la grave patologia contratta durante il servizio prestato all’esercito italiano. Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento