Sindacati militari, Zetti (NSC): «Intervenire sul DL Corda, chi fa sindacato non può avere le briglie»

«Il Ddl Corda si sta rivelando un disegno di legge che non risolverà i problemi dei sindacati militari anzi, arretra le competenze delle sigle sindacali, estendendo quelle delle rappresentanze militari, strumento che si è rivelato obsoleto e fallimentare».

È quanto dichiara Massimiliano Zetti, Segretario Generale del Nuovo Sindacato Carabinieri (NSC) nel corso della prima delle due giornate di lavoro negli ambiti degli Stati Generali dei Sindacati Militari.

«La sindacalizzazione è importante: le rappresentanze militari siedono accanto al datore di lavoro, i sindacati invece sono la controparte. Il Ddl Corda purtroppo va nella direzione opposta, imbriglia l’attività e chi fa sindacato non può avere le briglie anche se a qualcuno fanno comodo. Per questo motivo – conclude Zetti – chiediamo alle sigle della Polizia di Stato, alla politica e ai confederali di intervenire su questo disegno di legge, che è già superato ancora prima di essere partorito».

Roma, 13 luglio 2021

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento