SIAM: prudenza su ricorso previdenza complementare.

Il Sindacato dell’Aeronautica Militare “SIAM” invita alla massima prudenza circa il  ricorso sulla “Previdenza Complementare” di cui  abbiamo  già ampiamente parlato in precedenza.Di seguito proponiamo il “comunicato stampa” :

 

Riguardo a questo argomento, come SIAM, abbiamo optato per una posizione di estrema prudenza, a fronte della grande disinformazione che c’è stata a riguardo in tutto questo periodo.

Crediamo infatti che prima di esperire qualunque azione legale occorra tenere a mente una serie di aspetti che possono condizionare qualunque azione legale.

In primis non si tratta di una sentenza definitiva, per cui è estremamente verosimile che ci sarà un appello che potrebbe ribaltare tutto. Secondo, su questo stesso tema si sono pronunciate diverse altre Corti, dichiarandolo inammissibile per difetto di competenza e rinviando alla Cassazione l’onere di stabilire chi tra Corte dei Conti e Giustizia Amministrativa, sia deputato a dirimere la controversia. Pronuncia che non avverrà prima del 22 settembre prossimo.

Alla luce di quanto detto quindi abbiamo due dubbi fondamentali, ossia, merito della questione che un eventuale appello possa annullare quanto è stato stabilito in primo grado e, quand’altro ciò non fosse occorre sapere chi è il giudice competente, perché instradare in ricorso al tribunale errato potrebbe produrre, non solo una perdita di tempo ma anche una maggiorazione dei costi legali.

Ciò detto, come sindacato sentiamo il dovere di svolgere un’azione di tutela nei confronti dei nostri iscritti accompagnandoli nelle loro scelte anche in situazioni come queste.

Proprio in virtù di questo, dopo esserci consultati con i nostri legali, abbiamo ritenuto da un lato invitare i nostri iscritti a non sottoscrivere adesioni a ricorsi che prevedano l’esborso di anticipi. Sebbene siamo altrettanto convinti che occorra seguire la situazione con grande attenzione, facendoci trovare pronti e preparati a cogliere ogni opportunità.

Riteniamo altresì che il ruolo del sindacato sia quello di assistere i propri iscritti accompagnandoli in processi come questo e svolgendo una funzione di controllo nei confronti di coloro che sono demandati a patrocinare iniziative legali presso le corti di giustizia.

Per questo abbiamo deciso di dare mandato ad un nostro studio legale convenzionato di iniziare a predisporre gli atti propedeutici ad intraprendere le opportune azioni legali, alla luce degli sviluppi futuri della vicenda e, per far ciò, invitiamo i nostri iscritti, interessati a partecipare alla nostra iniziativa, a segnalare il proprio nominativo partecipando ai congressi locali che sono in corso in queste settimane oppure, se ciò non è possibile, scrivendo al seguente indirizzo email: [email protected]sindacatoam.it.

Precisando fin d’ora che si tratterà di una semplice raccolta di dati ed informazioni, senza che a fronte di questo venga richiesta la corresponsione di qualunque anticipo di denaro.

La presente iniziativa è riservata ai nostri iscritti, nella certezza che grazie alla nostra consulenza possano avere la possibilità di veder tutelati i propri diritti.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento