Si tatua l’avambraccio. Carabiniere nei guai

https://www.giustizia-amministrativa.it/portale/pages/istituzionale/visualizza/?nodeRef=&schema=tar_bo&nrg=202000361&nomeFile=202000432_20.html&subDir=Provvedimenti

Un appuntato dei carabinieri si tatua ingenuamente l’avambraccio sinistro. L’Arma avvia un procedimento disciplinare di Stato. Il militare, che vanta ben 25 anni di servizio , ora rischia una sanzione esemplare.

L’ amministrazione contesta al militare il “turbamento per il regolare e corretto svolgimento delle attività di servizio”, ma di fatto lancia un monito a chiunque abbia intenzione di imitarlo.↓



L’Appuntato, 41 anni e in servizio in Emilia-Romagna , ha diversi tatuaggi sul corpo , quasi tutti in omaggio all’Australia, ma che non avrebbero comportato particolari problemi di visibilità.

Il disegno sull’avambraccio sinistro invece, pare abbia suscitato le particolari attenzioni dei superiori. Ora il militare rischia la sospensione dal servizio se non addirittura la destituzione dall’ Arma dei Carabinieri.

Da quanto si apprende da un articolo di Gabriele Laganà per “Il giornale”, sarà un ufficiale inquirente a relazionare l’accaduto in sede processuale. Ora il carabiniere, con estrema probabilità, per limitare i danni dovrà ricorrere nel più breve tempo possibile alla rimozione del tatuaggio tramite il laser, affrontando spese ingenti dovute alle molteplici sedute a cui si dovrà sottoporre.

Nonostante il laser sia un metodo efficace per cancellare un tatuaggio, non tutti i tatuaggi possono essere eliminati nello stesso modo e con la stessa facilità. In media occorrono almeno 6 sessioni da circa 200€ l’una per eliminare un tatuaggio, con un intervallo di 5-7 settimane tra una sessione e l’altra. I tempi cambiano in base all’estensione del tatuaggio, al tipo di inchiostro e al colore che deve essere rimosso.

immagini  di repertorio




Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione

Lascia un commento