«Sbirri dentro le Foibe» scritta choc ad Ascoli. Conestà (Mosap): «Frutto di menti criminali. Individuare e punire gli autori»

«La questione delle Foibe non deve riguardare solo i famigliari delle vittime e degli esuli, ma tutta la comunità.

Rievocare l’orrore delle Foibe augurandosi che vi finiscano dei poliziotti, è quanto di più vile si potesse fare.

Mi auguro che la scritta apparsa su un pannello nel centro storico di Ascoli, sia quanto prima rimossa e che siano individuati e puniti severamente gli autori».
Così Fabio Conestà, Segretario generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap), sull’oltraggiosa scritta apparsa ad Ascoli su un pannello di truciolato e denunciata dall’Unione degli Istriani.

«Un gesto così grave – dice Conestà – non può essere sottovalutato, né passare in secondo piano.

Oltre all’attacco alla polizia e quindi alle istituzioni, la firma “BR” e l’inneggiare alle Foibe, riapre una vecchia e dolorosa ferita che riguarda tutti gli italiani e non soltanto una parte.

Non si può separare il dolore delle vittime e dei loro famigliari dal resto sentire comune, motivo per il quale oltre alla celere rimozione di quell’obbrobrio e l’individuazione delle menti criminali autori di ciò, ci aspettiamo una ferma condanna da tutto il panorama politico» conclude.
Roma, 06 ottobre 2021

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento