Ricalcolo contributi pensionistici.Il sindacato dei finanzieri scrive al Ministro dell’Economia e delle Finanze

Il SINAFI, Sindacato Nazionale dei Finanzieri, ha chiesto un incontro  urgente con il Ministro dell’Economia e delle Finanze , Prof. Roberto Gualtieri.

COMUNICATO STAMPA

La scrivente Organizzazione Sindacale ha inviato alcuni mesi fa una specifica missiva ai Ministri dell’Economia, del Lavoro e della Difesa, tesa a sollecitare uno specifico intervento sull’INPS per stimolare il citato Ente previdenziale ad adeguarsi agli orientamenti giurisprudenziali, ormai consolidati, emessi dai Giudici Contabili sul metodo di calcolo pensionistico.



La tematica, peraltro, è stata oggetto anche di una specifica interrogazione parlamentare circa la corresponsione del trattamento pensionistico più favorevole, ex art. 54 D.P.R. 1092/73, al personale della Guardia di Finanza e militare in genere.

Al riguardo, peraltro, in data odierna si è tenuto, sull’argomento, un incontro specifico tra la scrivente Organizzazione Sindacale ed il Presidente dell’INPS Dott. Pasquale Tridico.

All’esito del confronto tra il Presidente INPS e questa O.S. è emerso che:

  1. esistono tuttora degli orientamenti giurisdizionali, di primo grado, non uniformi e consolidati circa il sistema di calcolo del trattamento pensionistico per coloro che al 31.12.95 avevano meno di 15 anni di servizio utile;
  2. l’orientamento della Presidenza INPS, nonostante i giudizi delle sezioni d’appello siano pressoché unanimi, è quello di adeguarsi, ovviamente, ai giudizi di soccombenza passati in giudicato, emessi nei confronti dell’Istituto, ma di non poter al momento modificare il proprio orientamento in linea alle sentenze emesse dalle varie Sezioni della Corte dei Conti Centrali d’appello. Ciò, in quanto, tale scelta comporterebbe l’estensione del giudicato anche a coloro che non hanno adito il Giudice Contabile e che avevano almeno 15 anni di anzianità contributiva alla data del 31.1.2.95;
  3. il Presidente dell’INPS, rappresentando il notevole impatto finanziario che avrebbe sulle casse dell’Istituto l’applicazione tout court del più vantaggioso sistema di calcolo pensionistico, così come rideterminato dai Giudici contabili, ha inteso, in ogni caso, condividere la rilevanza della tematica portata alla sua attenzione, assicurando l’interessamento, in merito, delle Autorità politiche di riferimento (Ministri dell’Economia e del Lavoro).



Il SINAFI, inoltre, in fase di chiusura del proficuo confronto, ha ribadito anche l’opportunità che l’Istituto di Previdenza adotti le iniziative necessarie a contrarre i tempi di attesa dell’erogazione dei trattamenti pensionistici, al fine di evitare la discontinuità, attualmente esistente, tra il trattamento stipendiale percepito in servizio ed il trattamento pensionistico spettante in quiescenza.

Alla luce dell’orientamento manifestato dall’Istituto di Previdenza, pertanto, senz’altro attento alle problematiche rappresentate, ma improduttivo della possibilità di estendere, in autonomia, il giudicato amministrativo anche al personale della Guardia di Finanza e militare in genere che non ha adito il Giudice Contabile, la scrivente Organizzazione sindacale, con la presente, Le formula una specifica richiesta d’incontro urgente.

In attesa di un cortese cenno di riscontro si coglie l’occasione per porgerLe cordiali saluti.





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


 

Condivisione

Lascia un commento