Respinta la grazia per il prete accusato di aver molestato i militari di due caserme. La Congregazione del Clero lo “spreta”

https://www.ilroma.net/news/cronaca/molestie-stalking-calunnie-don-antonio-marrese-ridotto-allo-stato-laicale

L’ex cappellano della 46^ Brigata Aerea e del Reggimento logistico Folgore di Pisa. nel  2016 fu accusato da un carabiniere di  “attenzioni morbose” e stalking, in cambio di favori nell’Arma.

Ne conseguì un’indagine che è tuttora in corso, con due procedimenti pendenti, uno militare e uno civile. Da allora il cappellano venne sospeso dall’incarico e obbligato perun periodo alla dimora nella sua casa.

In seguito la stessa Congregazione del Clero aprì le indagini sul caso. Negli ultimi giorni il prete è stato “spretato”, ovvero ridotto allo stato laicale e non potrà mai più esercitare il servizio sacerdotale.

La richiesta di grazia che ha depositato lo scorso 11 dicembre, finita sotto l’attenzione di Papa Francesco, è stata inutile, anzi, lo stesso papa ha reputato giusta la sentenza della Congregazione del Clero.

Da quanto riporta “Il Roma“, la comunicazione ufficiale è stata resa nota dalla Prelatura di Pompei, che il 20 gennaio ha ricevuto la conferma definitiva della decisione approvata in forma specifica da Papa Francesco il 7 novembre 2020.

”Una pena nella Chiesa viene inflitta sempre in vista di un bene maggiore – è scritto nel comunicato – per colui che ne viene raggiunto e per l’intera comunità cristiana”. ”Questo rimane in comunione con la Chiesa in quanto fratello battezzato in Cristo ed è invitato ad attingere, come ogni fedele, alla grazia della Parola di Dio e dei sacramenti”.

”Accogliamo con docilità questa decisione – commenta la Prelatura nella nota pubblicata da  “il Roma” – custodendola nella preghiera e nel rispetto dell’interessato”.

Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






Condivisione

Lascia un commento