Realizzazione di un parco fotovoltaico nell’aeroporto militare G. Moscardini di Frosinone

Lo scorso settembre Legambiente Lazio e il locale circolo dell’associazione del cigno verde hanno lanciato l’idea di un riuso della vasta area dell’aeroporto militare “G. Moscardini” di Frosinone per la realizzazione di un parco solare fotovoltaico e di una rete di comunità energetiche.

Questa proposta fa seguito ai recenti annunci dell’Aeronautica Militare relativi al prossimo trasferimento in altra sede della scuola di volo elicotteristica e del 72° Stormo di stanza nel capoluogo ciociaro, in conseguenza della riorganizzazione della componente aerea delle forze armate.

L’idea avanzata dagli ambientalisti ha suscitato sul territorio molto interesse e un consenso diffuso, ma anche qualche perplessità. La politica locale sembra avere timore di schierarsi.

Eppure questo tipo di interventi su aree militari dismesse non è certo una novità, almeno in Europa. Ciò non sorprende se si pensa al massiccio ridimensionamento dell’apparato di difesa dell’Occidente iniziato con la fine della guerra fredda e proseguito negli ultimi decenni sotto la spinta crescente delle esigenze di contenimento della spesa pubblica.

Del resto, l’idea di adibire terreni incolti e off-limits da lungo tempo ad un utilizzo che apporti vantaggi per la collettività e per l’ambiente appare sensata e in grado di mettere a tacere le opposizioni che invariabilmente si fanno strada allorché si propone l’installazione di grandi impianti fotovoltaici a terra su aree agricole o comunque su terreni vocati alla produttività. Questo articolo continua QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento