Poliziotto uccise due rapinatori Il Gip: costretto a sparare “disposta l’archiviazione”

Il legale del Poliziotto Abbrescia, Eugenio Pini dopo l’archiviazione disposta dal Gip ha rivolto un pensiero ai due ragazzi morti e ai loro familiari ma ha definito  la richiesta della procura e l’ordinanza del gip inconfutabili e portentose  



Il gip di Tivoli ha disposto l’archiviazione nei confronti di Nicola Abbrescia, il  poliziotto di Guidonia che nel 2017 sparò e uccise due rapinatori durante un conflitto a fuoco.

L’agente all’ epoca si  trovò sulla scena di una rapina a mano armata. I due malviventi, alla guida di un furgone, speronarono un’autovettura. Scesi dal furgone, entrambi  armati di pistola e con il passamontagna ,  picchiarono l’uomo alla guida dell’auto chiedendogli i 9 mila euro che aveva al seguito.

Abbrescia vista la scena non esitò ad intervenire armato della sua pistola d’ordinanza intimando ai due malviventi di fermarsi. Simone Brunetti e Emanuele Taormina puntarono le loro pistole contro il poliziotto e tentarono la fuga . Abbrescia aprì il fuoco uccidendoli entrambi.  Il Sap, a difesa del collega che fini indagato, promosse una raccolta fondi per aiutarlo a sostenere le spese legali.


Il gip dopo oltre un anno e mezzo , oggi ha disposto l’archiviazione, rilevando che il poliziotto è stato «costretto» a sparare «dalla necessità di evitare un pericolo imminente per la propria vita, rappresentato dalla circostanza in cui i due ragazzi gli avevano puntato contro le loro pistole, a nulla rilevando che le armi non avessero alcuna potenzialità lesiva».

Il legale del Poliziotto Abbrescia, Eugenio Pini, dopo l’archiviazione disposta dal Gip ha rivolto un pensiero ai due ragazzi morti e ai loro familiari ma ha definito la richiesta della procura e l’ordinanza del gip inconfutabili e portentose  in quanto dipingono il comportamento del polizotto,  non solo impeccabile, ma doveroso, ovvero: in quel momento non si sarebbe potuto e dovuto comportare diversamente».

Stefano Paoloni segretario generale del Sindacato autonomo di polizia (Sap) , in un comunicato stampa ha espresso soddisfazione ma anche rammarico .  “Siamo soddisfatti per quanto rilevato dal Gip- ha dichiarato il Segretario del Sap,  è stato riconosciuto l’uso legittimo dell’arma, considerato il pericolo cui era esposto il collega e la vittima della rapina. Allo stesso tempo – continua Paoloni -, siamo anche rammaricati, perché nonostante l’evidenza dei fatti, il collega ha dovuto affrontare un processo durato quasi due anni e pagare spese legali di tasca propria, con tutto ciò che ne consegue quando si finisce indagati per fatti di servizio. Questo, ancora una volta – conclude il sindacalista -, ci porta a chiedere idonee garanzie funzionali per i colleghi che finiscono sotto processo per fatti di servizio, come la partecipazione dell’Amministrazione al procedimento penale con professionisti incaricati”.


Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento