Poliziotto che punta la pistola alla testa del collega – Sappe: è una fake news!

https://www.giustizia-amministrativa.it/portale/pages/istituzionale/visualizza/?nodeRef=&schema=tar_rm&nrg=201902420&nomeFile=201914650_01.html&subDir=Provvedimenti

La notizia del poliziotto che avrebbe puntato la pistola alla testa del collega è falsa. Di seguito il comunicato stampa del Sappe.

Si comunica che dopo la nota n.73.20 del 24.08.2020 di questa segreteria regionale inviata al Provveditorato regionale di Palermo nonché alle direzioni degli Istituti Penitenziari di Palermo pagliarelli e Agrigento “Pasquale DI Lorenzo “ in merito alla vicenda Agente della Penitenziaria va in escandescenze e punta la pistola contro i colleghi“ arrivata ufficialmente la smentita e le precisazioni da parte del direttore del carcere di Agrigento Valerio Pappalardo puntualizzando che

Nessun agente ha puntato la pistola contro i colleghi, le precisazioni del direttore del Petrusa

Nessun agente della Penitenziaria in servizio presso la casa circondariale ‘Pasquale Di Lorenzo’ di Agrigento ha puntato la pistola contro i suoi colleghi”. Queste sono le precisazioni del direttore del carcere di Agrigento, Valerio Pappalardo, in merito all’articolo, del 23 agosto, dal titolo “Agente della Penitenziaria va in escandescenze e punta la pistola contro i colleghi”.

Dall’istituto di contrada Petrusa, per come stabilito dalla legge, è stata chiesta una rettifica che la redazione di Agrigentonotize, in ottemperanza alle normative che disciplinano il settore, accoglie nel rispetto della fiducia reciproca che si è instaurata negli anni, tra la testata giornalistica, le istituzioni e i lettori.

“I fatti ivi narrati non risultano accaduti”, si legge nella istanza “Esercizio del diritto di rettifica” del direttore Pappalardo.

Ci occorre precisare che la notizia è stata attinta da fonti considerate attendibili e che per la loro tutela non possono essere rivelate. Altri particolari, che sono stati omessi nella redazione dell’articolo, hanno fornito un quadro di insieme ricco di dettagli e che proprio, per la preziosità degli elementi raccolti, non facevano minimamente pensare ad un racconto di fantasia.

Versione dei fatti che però non ha trovato conferme ufficiali dai vertici del penitenziario agrigentino. Dopo la pubblicazione dell’articolo, infatti, il comandante del reparto della polizia Penitenziaria che si occupa dei trasferimenti dei detenuti, in modo informale, ha contattato telefonicamente la redazione, precisando che non fosse a conoscenza degli episodi descritti nell’articolo.

Al comandante è stato chiesto di inoltrare, per come è previsto dalla normativa, una istanza ufficiale di rettifica. Richiesta che, puntualmente, è giunta oggi.

Ci affidiamo dunque all’ufficialità della versione fornita nella richiesta di rettifica del direttore del carcere  di Agrigento: “I fatti ivi narrati non risultano accaduti”.

Ufficio Stampa SAPPe

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento