No Tav sequestrarono e picchiarono un carabiniere: chiesti 6 anni di carcere

Sei anni di carcere è la condanna che il pm Antonio Rinaudo, a Torino, ha chiesto per due anarchici No Tav processati per il caso del carabiniere sequestrato il 3 luglio 2011 in Valle di Susa durante il primo degli attacchi al cantiere di Chiomonte. La causa, che si sta celebrando con il rito abbreviato, è stata aggiornata al 10 maggio.
Il militare, rimasto isolato nel corso di una sortita delle forze dell’ordine oltre le recinzioni, venne circondato, percosso, trascinato nei boschi e trattenuto da un folto gruppo di dimostranti. Ad essere processati sono adesso un romano e un piemontese. Il carabiniere, per le conseguenze dell’episodio, riportò traumi e lesioni giudicati guaribili in quattrocento giorni.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento