Il Natale sospeso dei marò Girone: siamo nel limbo

«Il nostro Natale? Ancora una volta sospesi nel limbo». Salvatore Girone, marò barese dal febbraio 2012 coinvolto – insieme al commilitone del San Marco Massimiliano Latorre – nella nota controversia internazionale tra Italia e India, racconta alla Gazzetta del Mezzogiorno le sue emozioni nel trascorrere le festività con il peso sul cuore di un arbitrato internazionale pendente davanti al Tribunale dell’Aja.

Da maggio scorso è tornato in servizio a Bari, nella Capitaneria di Porto, e agli amici più cari confessa di pronunciare la parola «India» ogni giorno, perché la vicenda resta una ferita aperta. «Il procedimento in Olanda dovrebbe finire entro il 2018. Ma i percorsi processuali, lo abbiamo imparato in questi anni, sono sempre imprevedibili. Basta un rinvio – aggiunge – e la precedente road map va cambiata».

Ricorda di aver trascorso festività natalizie a Nuova Delhi, e si rabbuia: «La lontananza forzata dall’Italia è stata per noi marò, e per le nostre famiglie, un doppio dolore, limitato solo in parte dalla possibilità di ricongiungerci in quei giorni con i nostri cari», spiega. Quest’anno sarà a Bari (mentre Massimiliano Latorre con la compagna Paola rientrerà da Roma a Taranto). Leggi tutto, clicca QUI

 

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento