Missioni militari pagate con buoni ferie

Partecipano ad una esercitazione internazionale di quasi tre mesi e lo Stato anziché riconoscere l’indennità liquida il dovuto in “buoni ferie”.

«Ma con questi non si mangia né si pagano le bollette».

È una madre di famiglia a prendere carta e penna e a scrivere al ministro della Difesa Roberta Pinotti, dopo che un’interrogazione depositata a suo tempo dalla Lega nord non ha avuto esiti.

Una cartella fitta fitta, molto garbata, quella che la donna, madre di famiglia del Pordenonese e moglie di un militare, invia alla massima autorità politica delle Forze armate, il ministro appunto, e alle massime autorità militari, i capi di stato maggiore di Difesa ed Esercito.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento