Militare morì in caserma. Tre colleghi rinviati a giudizio

Tre militari dell’ Esercito Italiano sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di “Omissione di Soccorso” con l’aggravante della morte della persona a cui non venne prestata assistenza.

I militari sono tre parà in forza alla caserma Gamerra di Pisa, e dovranno difendersi dalla grave accusa con cui il procuratore Sisto Restuccia li ha citati in giudizio.



Da quanto riporta “La Nazione”, il dramma avvenne nel novembre 2017, quando Tiziano Celoni , di soli 27 anni, venne trovato in fin di vita sulla propria branda. Le ricostruzioni degli inquirenti stabilirono che il ragazzo la sera precedente perse i sensi e dopo essere stato accompagnato in caserma dai tre colleghi, fu lasciato sulla sua branda .

Alcune ore dopo uno dei tre si accorse che le condizioni di Celoni erano molto gravi ed allertò i soccorsi, ma ormai era troppo tardi. I soccorsi non riuscirono a rianimarlo. Sul corpo del ragazzo venne disposta l’autopsia che svelò l’assunzione di droga e alcol nella sera precedente . La Caserma Gamerra di Pisa era già finita alle cronache per il caso , ancora attuale, del parà Emanuele Scieri,






METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI


Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento