Militare in missione in Afghanistan condannato per minaccia aggravata

“Ho visto il tenente estrarre la pistola, inserirci il caricatore, e puntarla contro l’interprete”. E’la testimonianza di un fatto accaduto fra militari, in Afghanistan, il 21 settembre 2010. A parlare è stato un collega dell’imputato, tenente Giuseppe Costa, accusato di minaccia aggravata e condannato per questo gesto dal tribunale di Cuneo a tre mesi con la sospensione condizionale.

Un gruppo di alpini della caserma di Cuneo era in missione nel Paese straniero. “Lavoravo nell’ufficio personale del campo militare insieme a Costa- ha spiegato il testimone -.

Leggi l’articolo completo QUI

(immagine di repertorio)

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento