Le convulsioni e poi la morte. Secondo Capo della Marina Militare muore in circostanze da chiarire

La morte improvvisa del un Secondo Capo scelto della Marina militare, Stefano Paternò, in servizio presso l’Arsenale Militare di Augusta, di soli 43 anni, ha indotto l’ASP3 siciliana ad approfondire le cause del decesso.

Da quanto riporta “Live Sicilia” ,  il  Commissario anticovid Pino Liberti invita alla prudenza: 

“Dopo il vaccino Astrazeneca – dichiara a Live Sicilia Liberti – il militare non mi risulta abbia avuto uno choc anafilattico. Quello che sappiamo è che, purtroppo, nella serata ha iniziato a stare male e poi ha perso la vita. Non ci sono evidenze che correlino il decesso con il vaccino

Paternò era stato vaccinato lo scorso 8 marzo proprio nell’ospedale militare di Augusta, in Sicilia. Dopo la dose di vaccino era rientrato a casa senza problemi. Nel pomeriggio però avrebbe iniziato ad avvisare dei malori. Sarebbe comparsa la febbre. Il marinaio avrebbe assunto anche una dose di Tachipirina 1000, ma non sarebbe servita a molto.

Nel tardo pomeriggio/notte sarebbero sopraggiunte le convulsioni  e un probabile arresto cardiaco. I familiari avrebbero chiamato i soccorsi, ma inutilmente.

Virale sui social la notizia del morte di Paternò, che lascia la giovane moglie e due piccole creature. Stupore e sgomento tra quanti lo conoscevano, ma anche tra i tanti che hanno appreso di una morte così prematura dai contorni inspiegabili e che potranno essere chiariti solo con una eventuale autopsia.

Paternò era il cugino del Cappellano del Papa, nonché Segretario della Nunziatura apostolica a Praga, mons. Giuseppe Silvestrini.

Un collega scrive su fb:

Sono sconvolto triste e addolorato perché questa notte ci hai lasciato all’improvviso. Mio caro Paterno’ Stefano sei stato un Uomo formidabile, sempre vitale, allegro, disponibile per qualsiasi lavoro e non ti tiravi mai indietro su niente.

Il primo a partire e l’ultimo a lasciare. È stato un privilegio per me essere stato il Capo su Nave Libra ed un ONORE essere un tuo amico.

RIPOSA IN PACE e che la terra ti sia lieve. Mi stringo nel cordoglio e porgo le mie sentite condoglianze alla moglie ed hai figli.

Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento