La Commissione uranio: «A Torre Veneri situazione rischiosa, bonificheremo il poligono»

«Abbiamo trovato una situazione complessa e rischiosa. A Torre Veneri serve una bonifica radicale». Esordisce con questa frase, calibrando le parole, Gian Piero Scanu, presidente della Commissione d’inchiesta parlamentare sull’uranio impoverito in visita ieri a Lecce per verificare la corretta applicazione delle misure di sicurezza nel poligono di Torre Veneri sulla costa leccese a nord di San Cataldo.

La delegazione guidata da Scanu e composta dalla vicepresidente Donatella Duranti e dai deputati Ivan Catalano, Gianluca Rizzo e Diego Zardini, ha raggiunto Lecce dopo aver visitato, il giorno prima, il poligono barese di Torre di Nebbia.

Alle 9 erano davanti ai cancelli del poligono di Torre Veneri, poi alle 10.30 la delegazione si è spostata alla Scuola di Cavalleria di Lecce per ascoltare il comandante del poligono, il generale Fulvio Poli, il responsabile del Servizio Sicurezza e Prevenzione, capitano Mario Paladini, il medico competente e i presidenti delle associazioni Lecce Bene Comune e Lecce Città Pubblica.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento