Intervista al comandante delle Forze speciali (Cofs) Generale Nicola Zanelli

Solo 2 su 20 superano le selezioni, in progetto l’ampliamento del comparto ma gli aspiranti sono inferiori alle aspettative, ottima collaborazione internazionale, “Abbiamo tutti paura: chi non ha paura è pericoloso per sé e per gli altri”

“Abbiamo tutti paura: chi deve decidere e chi deve operare. Quando il rischio si alza, aumenta anche la paura e questa va gestita. E’ proibito dare una versione hollywoodiana delle Forze speciali, è falso”. Il generale di Divisione Nicola Zanelli (54 anni, sposato e padre di quattro figli) da un anno è al vertice del Cofs, il Comando interforze per le operazioni delle Forze speciali, che racchiude le élite delle Forze armate.

I reparti di Forze speciali sono il 9° Reggimento paracadutisti d’assalto Col Moschin dell’Esercito, il Gruppo operativo incursori (Goi) del Comsubin della Marina, il Gruppo intervento speciale (Gis) dei Carabinieri e il 17° Stormo incursori dell’Aeronautica. Si aggiungono due reparti di Forze per operazioni speciali: il 185° Reggimento Ricognizione e Acquisizione Obiettivi (Rrao) “Folgore” e il 4° Reggimento alpini paracadutisti, i Ranger. Infine, due reparti di supporto sono il 3° Reggimento Elicotteri per Operazioni Speciali (Reos) “Aldebaran” e il 28° reggimento Comunicazioni Operative “Pavia”. Questi quattro reparti sono dell’Esercito. Nel dna delle Forze speciali c’è la riservatezza, ma il mondo cambia, i loro compiti aumentano e un libro recente dello Stato Maggiore della Difesa, “Operazioni speciali”, con splendide foto e testi divulgativi, le fa conoscere un po’ di più. In questa intervista a Formiche.net Zanelli spiega prospettive, problemi e caratteristiche di un comparto sempre più decisivo.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento