Gli allievi palombari di COMSUBIN si addestrano nelle acque profonde di Messina

Giovanni Torraco

Dal 23 novembre al 4 dicembre il porto militare di Messina è stato lo scenario subacqueo di una complessa e delicata attività formativa militare: quella delle immersioni profonde del corso Palombari, fino alla quota massima di 60 metri.

La Scuola Subacquei di COMSUBIN, con sede a Le Grazie, ha scelto di valicare i confini dell’Italia peninsulare in virtù della singolare caratteristica morfologica delle acque del porto di Messina: l’immediato accesso a fondali molto profondi, così incredibilmente vicini alla terra ferma e alle banchine dell’area portuale militare, rende questo scenario abissale un ambiente addestrativo davvero unico nel suo genere.

Grazie a questo dono naturale, in cui Scilla e Cariddi ebbero, per primi, a confrontarsi nella lontana mitologia greca, la Scuola dei Palombari ha condotto 120 immersioni profonde a 60 metri di profondità nell’arco temporale di pochissimi giorni.

Un numero davvero elevato di immersioni considerando che di rado il mare dedica agli operatori una così duratura e benevola accoglienza e che le immersioni sono sempre attività svolte in un ambiente non naturale. Nonostante ciò, gli istruttori del COMSUBIN, attraverso una attenta pianificazione e un oculato sfruttamento delle predette caratteristiche naturali del luogo, hanno concluso il percorso formativo dei futuri Palombari della Marina Militare.

Fonte marina Militare


Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento