Genova: detenuto aggredisce poliziotti nell’ora d’aria. In 4 finiscono in ospedale

Quattro agenti della Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Pontedecimo sono finiti all’ospedale per accertamenti dopo l’aggressione da parte di un detenuto durante l’ora del passeggio.

L’episodio è avvenuto intorno alle 14.15 di domenica 29 novembre 2020 al piano terra del reparto maschile del carcere genovese.

Il detenuto, un uomo originario della Guinea sottoposto al regime della sorveglianza a vista, in carcere (con fine pena nel 2022) per reati di resistenza e violenza e non nuovo ad atteggiamenti violenti (era stato da poco dimesso dall’ospedale San Martino per aver ingerito detersivo) ha avuto uno scatto d’ira.

Prima ha colpito con una penna un poliziotto perforandogli uno zigomo e solo per una questione di centimetri non l’ha colpito agli occhi, poi ha aggredito altri colleghi ma è stato bloccato e disarmato dagli agenti. I quattro poliziotti feriti, dopo le prime cure da parte del medico del carcere, si sono recati all’ospedale per ulteriori accertamenti e sono stati dimessi giorni di prognosi compresi tra i 6 e gli 8.

Fabio Pagani, segretario regionale della Uilpa Polizia Penitenziaria ha puntato il dito contro l’amministrazione:

«Nonostante il preoccupante aumento di eventi simili l’amministrazione non assume provvediment finalizzati a prevenire eventi critici e salvaguardare l’incolumità fisica del personale. Siamo consapevoli che il nostro mestiere comporta rischi di questo tipo, però una cosa sono eventi eccezionali altra è l’allarmante regolarità con la quale si ripetono.

Ai quattro colleghi auguriamo pronta guarigione e all’amministrazione penitenziaria chiediamo di adottare tutte le iniziative, già previste dalla normativa vigente, al fine di salvaguardare l’incolumità del personale. Al ministro della Giustizia si chiede di intercedere nei confronti del Dap affinché questo avvenga il prima possibile».“

Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






FONTE

Condivisione

Lascia un commento