I genitori del maresciallo: «Vogliamo sapere perché la nostra Licia si è uccisa»

SIRACUSA – I familiari del maresciallo dei carabinieri Licia Silvia Gioia, la 32enne di Latina in servizio a Siracusa, deceduta la notte del primo marzo, hanno deciso di affidare incarico a un legale per seguire da vicino le fasi del procedimento penale contro l’ispettore di Polizia, Francesco Ferrari, indagato per istigazione al suicidio.

L’incarico è stato conferito all’avv. Aldo Ganci, che si è già attivato in occasione dell’incidente probatorio con cui il gip del tribunale di Siracusa, Carmen Scapellato, ha disposto una perizia balistica, affidandola a tre consulenti tecnici.

«I familiari del sottufficiale – dice l’avv. Ganci – vogliono capire che cosa abbia crucciato Licia al punto da farle compiere un gesto estremo. Essi non hanno intenzione di accusare alcuno; vogliono solo dare risposte certe a quegli stessi dubbi sollevati dal pm Marco Di Mauro, che sta coordinando l’inchiesta.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento