G8, Conestà (Mosap): «Si ricordino anche le violenze e devastazioni dei manifestanti»

«Il ventennale del G8 di Genova non può essere la passerella ideologica di chi vuole avversare le forze dell’ordine, appellando i poliziotti come ‘macellai’ o ‘violenti’ e omettendo la verità della piazza.

Peccato che mai nessuno abbia puntato l’attenzione sulle violenze dei manifestanti e sulla città che fu completamente devastata».

Lo dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).


«Ci sono stati dei processi e delle responsabilità accertate, ma a distanza di vent’anni non è possibile criminalizzare la Polizia di Stato parlando di torture, ignorando quelle violenze di piazza e una città devastata, celebrandole come impresa rivoluzionaria, quando in realtà – conclude – è stato il più grande fallimento di una società civile».

Roma, 18 luglio 2021

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento