Corpo Forestale sicilia , 17 indagati tra agenti , imprenditori ed operai

PALERMO – Nel 2013 lo scandalo aveva travolto il distaccamento di Bagheria. Allora gli arresti furono cinque. Ora tocca a quello di Villagrazia che ingloba una parte della città di Palermo e alcuni grossi centri della provincia. Il Corpo forestale della Regione siciliana non è stato in grado di dotarsi degli anticorpi necessari per arginare presunti casi di malaffare.

Sei misure cautelari e undici avvisi di garanzia. Sono diciassette le persone indagate. Oltre al comandante di Villagrazia Antonio Polizzi, agli ispettori Salvatore La Piana e Antonio Sacco, agli imprenditori Antonino e Giuseppe Chiazzese, all’operaio forestale Rocco Giuseppe Ferro (sono stati tutti colpiti da una misura cautelare), hanno ricevuto un avviso di garanzia anche gli ispettori Giuseppe Colibro e Salvatore Impastato, i dipendenti dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Palermo (altra articolazione del Corpo forestale regionale), Francesco La Fata e Leonardo Di Maria. Ed ancora: Vincenzo Vaglica, Piero Buscemi, Antonio Mangano (operaio stagionale), Vincenzo e Giovan Battista Musso, Angela Veronica Polizzi (volontaria della Protezione civile di Altofonte e figlia del comandante Polizzi), Michele Capizzi.

Leggi il resto dell’articolo QUI

 

 

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento