Esercito: inchiesta armi, sospesi militare e civile Difesa

L’Esercito ha “immediatamente attivato le procedure per la sospensione dal servizio” del sottufficiale e di un dipendente civile effettivi al Cerimant di Padova, arrestati ieri nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Cagliari su una banda attiva tra la Sardegna e il nord Italia, specializzata nel traffico di droga, armi da guerra, rapine a portavalori e reati contro il patrimonio.

Un’organizzazione che avrebbe anche puntato a trafugare a scopo di estorsione la salma di Enzo Ferrari dal cimitero di Modena (un progetto nel quale il militare e il dipendente civile della Difesa non risultano però coinvolti). Nei confronti dei due, l’Esercito – che “conferma la piena collaborazione con gli organi inquirenti” – svolgerà anche un’inchiesta interna “al fine di verificare le eventuali ulteriori responsabilità”.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento