west point

Crolla il mito dell’accademia militare “West Point”. 70 cadetti hanno imbrogliato durante l’esame

NEW YORK – Un vero e proprio scandalo sta investendo l’ Accademia Militare “West Point” il cui motto recita : «un cadetto non mentirà, non imbroglierà, e non tollererà coloro che lo fanno».

In questi giorni invece la prestigiosa scuola da cui emergono costantemente figure di rilievo internazionale, è sotto l’attacco dei media americani. 

Più di 70 militari sono finiti nei guai con l’accusa di aver barato durante un esame di matematica tenuto in videoconferenza a causa del covid-19. Si tratta del peggiore scandalo che investe l’accademia federale dell’esercito a stelle e strisce dagli anni Settanta.

Cinquantotto cadetti hanno confessato l’imbroglio. Per la maggior parte di loro è stato disposto un programma di riabilitazione “in libertà vigilata” che durerà fin quando non usciranno dall’accademia. Alcuni invece hanno preferito rassegnare le dimissioni piuttosto che affrontare le restrizioni, mentre altri  ancora dovranno affrontare delle udienze che potrebbero portare alla loro espulsione definitiva.

Il professore di diritto “Tim Bakken”, ha definito lo scandalo “una questione di sicurezza nazionale” perché proprio da quell’accademia emergono i leader da cui dipenderanno gli Usa.

Il capo di stato maggiore di West Point, il colonnello dell’esercito Mark Weathers,  ha tentato invece di ridimensionare l’accaduto, dichiarandosi “deluso” dal comportamento dei cadetti, ma considerando l’incidente una lieve violazione del codice. A suo parere, questo non sarebbe accaduto se l’esame fosse stato sostenuto nel campus.

Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento