Covid-19 – Comencini ( Lega) : I militari in missione hanno ricevuto i dispositivi individuali di protezione?

Il parlamentare della Lega Vito Comencini è il primo firmatario di una interrogazione a risposta scritta rivolta al Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, nonché al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Luigi di Maio. La pubblichiamo integralmente.

Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. — Per sapere – premesso che:



l’infezione da Sars-CoV-2 ha assunto ormai le caratteristiche di una pandemia presente in tutti i continenti del pianeta; non si può quindi escludere che sia presente in alcuni dei teatri sui quali operino militari italiani impegnati in missioni di mantenimento della pace;

si trovano attualmente all’estero circa 7 mila effettivi, alcuni dei quali schierati in zone vicine a noti focolai di Sars-CoV-2 di ragguardevole intensità; preoccupano soprattutto le posizioni dei contingenti italiani di stanza ad Herat in Afghanistan e nel Kurdistan iracheno, in quanto situati in prossimità della Repubblica Islamica d’Iran, fra i Paesi maggiormente colpiti dalla pandemia;

il problema riguarda, a maggior ragione, anche tutto il personale militare in servizio nelle sedi estere della rete diplomatica e consolare nazionale, diffusa su tutto il pianeta, come parte della sua sicurezza o nel contesto delle addettanze per la Difesa, militari, navali e aeronautiche;

il Covid-19 tende comunque a spostarsi, seguendo direttrici non sempre prevedibili, che impediscono di considerare al riparo da rischi i militari che si trovino in zone in cui la presenza del Sars-CoV-2 è per il momento meno evidente;

è quindi opportuno dotare i militari italiani in servizio all’estero di dispositivi protettivi individuali idonei a tutelarne la salute nelle ambasciate, nei consolati e nei teatri in cui sono schierati –:



se il Governo abbia già provveduto a inviare ai militari italiani in servizio nelle sedi della rete diplomatica e consolare italiana o impegnati in missioni di mantenimento della pace all’estero idonei quantitativi di dispositivi individuali di protezione per assicurarne l’incolumità in ambienti contaminati dal virus Sars-CoV-2;

quali iniziative ulteriori il Governo abbia assunto finora o ritenga di assumere nell’immediato futuro per garantire la salute del personale delle Forze armate impegnato all’estero rispetto al pericolo del contagio da Sars-CoV-2.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento