Corte dei Conti: l’assenza dei lavoratori statali a causa del maltempo la paga lo stato

NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

In caso di assenza dal lavoro causata dalle condizioni metereologiche avverse, come il maltempo legato ad una violenta nevicata, la retribuzionedei dipendenti statali dovrebbe essere corrisposta dallo Stato. Questa è l’opinione della Corte dei Conti, che attraverso una richiesta di parere inviata all’ARAN (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) attraverso la segreteria generale si propone di fare luce sull’argomento e chiarire eventuali spettanze.

In merito alla nevicata del 26 febbraio 2018 che ha coinvolto anche la Capitale, infatti, la richiesta di parere n. 2179 inoltrata il 5 marzo scorso si basa sulla considerazione che la prestazione lavorativa dei dipendenti deve essere retribuita in eguale misura e che il meteo avverso non può essere considerato come causa di danno erariale imputabile ai lavoratori.

Secondo la Corte dei Conti, inoltre, ai dipendenti che non sono riusciti a recarsi regolarmente a lavoro non dovrebbero essere decurtate ore di permesso o giorni di ferie, mentre ai colleghi che non hanno avuto difficoltà a raggiungere garantendo il servizio dovrebbe essere riconosciuto un turno di riposo compensativo.Sarà l’ARAN, rispondendo alla richiesta di parere, a fare chiarezza sulla questione.

FONTE

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento