Il Caporale Tony Drago è stato ammazzato di botte. 8 indagati in caserma

Ucciso per nascondere una prova di forza psicofisica finita in tragedia. È la principale pista battuta dalla procura civile che indaga sulla morte di Tony Drago, trovato cadavere nel piazzale della caserma Sabatini il 6 luglio del 2014, con la certezza di essere davanti a un omicidio volontario.

Una svolta maturata dopo le conclusioni dei periti del gip, che hanno sostenuto come qualcuno abbia spezzato la schiena del ragazzo saltandoci sopra mentre faceva le flessioni e abbia scelto di ucciderlo con una badilata, poi inscenando un suicidio nella speranza di nascondere il terribile errore.

Il pubblico ministero Alberto Galanti, inizialmente propenso a preferire la tesi del suicidio, ora sposa la stessa linea della procura militare, che procede alla ricerca dei colpevoli tra i commilitoni ritenendoli autori di un assassinio.

Leggi tutto, clicca QUI

 

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento