Il cancro uccide Carabiniere di 50anni, andò in missione in Bosnia-Erzegovina

SAN PIETRO IN GU. Ucciso dal cancro a 50 anni, nel 2004 era rimasto 6 mesi in missione in Bosnia-Erzegovina. Il brigadiere dei carabinieri Stefano Donadello era «una grande persona», come lo ricorda la moglie Antonella, che ora rimane sola con i tre figli, Matteo, Gioele e Aurora.

Dodici anni fa. «Stefano era un uomo generoso, buono, amorevole. La famiglia per lui veniva prima di tutto. E amava il suo lavoro», ricorda la moglie. La sua vocazione a 17 anni, «quando è partito per Roma per realizzare il suo sogno, voleva entrare nell’Arma. È stato poi trasferito a Milano, a Padova e infine a Vicenza, al Coespu, il Centro di eccellenza per le stability policy units dell’Arma. Dodici anni fa è partito per una missione in Bosnia-Erzegovina. Una esperienza che ha voluto fare e che lo ha arricchito dal punto di vista umano e professionale».

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento