Agente rischia di essere punito per un’intervista. L’amministrazione: è un bravo poliziotto

Aveva donato il proprio stipendio agli ospedali di Vercelli, Bergamo e Messina e stava rischiando il procedimento disciplinare.

Antonino Lollo stava rischiando la “punizione” perchè aveva rilasciato un’ intervista senza l’autorizzazione della Questura.



Il procedimento disciplinare però è stato annullato. Il poliziotto e atleta messinese è stato definito  dalla stessa amministrazione “un bravo poliziotto”.

Soddisfatto il sindacato della Polizia di Stato FSP:

È grande la nostra soddisfazione: accogliendo pienamente la nostra tesi, il Compartimento Polizia Stradale per il Piemonte e la Valle d’Aosta ha annullato la contestazione degli addebiti disciplinari che aveva inviato all’agente e atleta messinese, residente nella bergamasca e in servizio a Vercelli.



Come si ricorderà Antonino si era distinto, mentre si trovava in malattia per sospetto contagio da Covid-19, per aver donato il suo non certo lauto stipendio da poliziotto agli ospedali dei vari luoghi della sua vita, cosa di cui si sono interessati i giornalisti conosciuti in per la sua attività sportiva.

A causa di una serie di disguidi alla d.ssa Rucci erano giunta notizie infondate su come erano andate effettivamente le cose e non possiamo far a meno di compiacerci con una Dirigente che ha avuto la prontezza e la linearità necessarie ad individuare e riconoscere autonomamente l’errore.

I nostri migliori auguri di buon lavoro vanno dunque al collega, che potrà tornare ad essere sereno come merita e alla sua Dirigente, che ha dimostrato come la vera autorevolezza dirigenziale non sta nel cercare di imporre la forza senza diritto, ma nell’essere giusti, equi e capaci di cambiare idea.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento