Torino- Il piccolo Kevin e l’abbraccio del militare che gli sussurrava: non arrenderti

Lo ha avvolto in un abbraccio, come per proteggerlo dalla folla impazzita. E ha ascoltato il suo respiro sofferente: «Non arrenderti, ora ti portiamo in ospedale», gli ha sussurrato. E insieme ai pochi altri capaci di fermarsi nella follia collettiva di piazza San Carlo, lo ha accompagnato a un’ambulanza.

La foto che ritrae un ragazzo con la maglia bianconera chino su un bimbo quasi svenuto è diventata il simbolo della notte di panico scatenata nel centro di Torino da un colossale equivoco.

Quel ragazzo si chiama Federico Rappazzo, ha 25 anni, è un soldato. Ma soprattutto studia da infermiere: «Non penso di aver fatto nulla di eccezionale — ha raccontato —.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento