Scarcerazioni facili. Conestà (Mosap): «Anche scarcerare chi ci aggredisce e ci manda in ospedale ci demotiva»

«Condividiamo pienamente l’indignazione del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese per la scarcerazione dei soggetti arrestati con l’accusa di spaccio e siamo d’accordo con lei quando dice che tutto ciò ci demotiva, dopo aver fatto i salti mortali per arrestarli e assicurarli ad una giustizia talvolta miope. Dobbiamo rilevare però, che a demotivarci è anche la scarcerazione e l’impunità per coloro che ci aggrediscono e ci mandano in ospedale, a fronte invece di fascicoli di indagine aperti a nostro carico se solo proviamo a difenderci o a difendere un collega da un pericolo».

È quanto dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap), commentando le parole del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese rese ieri in commissione Infanzia, in Parlamento.

«Purtroppo – dice Conestà – il problema è a monte: c’è un impianto normativo lacunoso che penalizza le forze dell’ordine e “grazia” i delinquenti, alimentando in loro la consapevolezza di poter continuare a delinquere indisturbati perché tanto saranno rimessi in libertà. Un senso di impunità – insiste il sindacalista – pericoloso sia per il cittadino che per lo stesso operatore di polizia che in questo sistema è l’anello debole della catena. E questo – conclude – i balordi lo sanno e lo utilizzano a loro favore».   

Roma, 29 luglio 2021

 

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento