Chi picchia contro magistrati e militari massoni

Divieto di iscrizione alla massoneria per magistrati, militari e rappresentanti delle forze dell’ordine. Questo prevede una proposta di legge di Articolo 1 – Mdp, a prima firma Claudio Fava, depositata a Montecitorio. Non è la prima volta che il Parlamento cerca di affrontare la questione. Qualche mese fa è stato presentato un ddl anche dal Pd, a firma Davide Mattiello.

“Il problema è che i magistrati e i militari giurano fedeltà alla Repubblica, perciò è il caso che non appartengano a ordini che prevedono, tra le altre cose, obbedienza e fedeltà. Un magistrato deve seguire solo la legge e la sua coscienza, non altro”, dice Fava. La legge all’articolo 1 recita: “Ai magistrati ordinari, contabili, amministrativi e ai militari è vietata l’appartenenza a qualunque titolo ad associazioni massoniche o similari che creano vincoli gerarchici, solidaristici e di obbedienza, pena la decadenza dagli incarichi e la nullità degli atti compiuti”.

La legge, però, si occupa anche dei parlamentari, obbligandoli a un’operazione di trasparenza. “Entro tre mesi dalla proclamazione – si legge nell’articolo 2 – i membri del Senato e della Camera sono tenuti a depositare una dichiarazione, anche negativa, sull’eventuale appartenenza a qualunque titolo ad associazioni massoniche o similari”. La stessa dichiarazione poi, secondo la legge, è richiesta “ai dipendenti pubblici e a coloro che ricoprono incarichi pubblici”.

Leggi tutto, clicca QUI

 

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento