Ordinò al subalterno di radersi la barba, capitano assolto

di Cristina Antonutti

PORDENONE – È finito a processo per aver ordinato a un subalterno di avere più cura della propria persona.

Un capitano dell’11° Reggimento bersaglieri di Orcenico ha dovuto difendersi davanti al Tribunale militare. A denunciarlo era stato il caporal maggiore a cui aveva chiesto di radersi la barba.

Insomma, un richiamo alla cura militare della persona che chi ha fatto la naja o la ferma breve ben conosce. Il caporal maggiore ha invece ritenuto di essere stato sottoposto a vessazioni e, contestando la regolarità dell’ordine, lo ha denunciato

FONTE

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento