Malati psichici con le armi in casa. La Polizia denuncia i medici compiacenti

Potevano detenere legittimamente armi nonostante risultassero affetti da patologie psichiche. Si tratta di 30 persone che sono state scoperte e denunciate dalla Polizia. In 20 di questi casi erano stati gli stessi medici di base a controfirmare le autocertificazioni di idoneità prodotte dai propri assistiti, per i quali qualche tempo prima avevano, invece, certificato instabilità mentale.

Le irregolarità sono emerse nel corso di un’indagine della Squadra Mobile di Campobasso che ha incrociato i dati dei procedimenti amministrativi con quelli delle certificazioni di invalidità dell’Inps, su un campione di 5mila residenti della provincia detentori di armi.

I medici di base, quindi, da un lato inoltravano all’istituto di previdenza le richieste di invalidità dei loro assistiti attestando patologie psichiche, dall’altro controfirmavano i certificati anamnestici, sottoscritti dai pazienti interessati, che riportavano una storia clinica pregressa “negativa”. Un meccanismo che ha così tratto in inganno il medico dell’Asrem, della Polizia di Stato o Militare che successivamente ne decretava l’idoneità psicofisica al porto d’armi e alla detenzione di armi.

Leggi l’articolo completo, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento