L’Italia in Somalia? I molti errori di un disimpegno

Cosa abbiamo, cosa non abbiamo e cosa avremmo dovuto fare per la Somalia. Ne parliamo con Bernando Venturi e Massimo Alberizzi

La Somalia continua, ancora oggi come in passato, ad essere terreno di scontri violenti, mostrandosi al mondo come un Paese che non possiede un Governo stabile, pronto a contrastare la minaccia terroristica, e che non è in grado di assicurare una pace duratura alla sua popolazione.

 Il 14 ottobre 2017 più di 300 persone sono state uccise e almeno 500 ferite durante un attacco terroristico, che ha visto esplodere un camion-bomba in un incrocio affollato a Mogadiscio, capitale della Somalia. Tra le vittime anche 15 bambini che erano a bordo di uno scuola bus. L’attacco è stato definito il peggiore nella storia della città, una statistica particolarmente allarmante, considerando che la capitale, dopo il crollo dello Stato somalo nel 1991, è stata vittima di ripetuti conflitti violenti.

La Somalia è in guerra dal 30 dicembre 1990 ed è continuamente in preda a violenze generalizzate in tutto il Paese. Prima è avvenuta la guerra con il contingente delle Nazioni Unite, che prevedeva anche la presenza degli Stati Uniti e dell’Italia, dopo sono avvenuti attacchi terroristici, che hanno alimentato lo stato di tensione presente da molti anni. Questo è l’attentato più grave che ha subito la Somalia dal 2007 ad oggi. Il Paese è un profondo Far West, senza autorità che facciano rispettare la legge e con una comunità internazionale che ha certamente riconosciuto la presenza di un Governo, che però controlla a malapena una parte di Mogadiscio e i suoi territori limitrofi”, ci dice Massimo Alberizzi, Direttore di ‘Africa-Express.info‘, quotidiano panafricano in lingua italiana. Leggi tutto, clica QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento