Forze Armate e di Polizia: stipendi in Italia e in Europa, quali differenze?

Quanto guadagnano le Forze Armate in Italia? E nel resto d’Europa? Gli stipendi delle Forze dell’Ordine italiane sono un argomento di estrema attualità: dopo l’approvazione del riordino delle carriere che ha introdotto i nuovi parametri stipendiali – ma ha segnato anche l’addio definitivo al bonus sicurezza di 80 euro – si sta discutendo del rinnovo del contratto che potrebbe portare ad un nuovo aumento della retribuzione.

Obiettivo dei sindacati è di far riconoscere all’amministrazione la specificità del ruolo delle Forze dell’Ordine italiane, garantendo loro una retribuzione adeguata all’importanza dell’incarico. Per questo motivo è stato chiesto all’Aran – l’ente che rappresenta la Pubblica Amministrazione – di riconoscere una nuova indennità annuale per le Forze Armate, più la conferma del bonus sicurezza. D’altronde – come vedremo meglio di seguito – lo stipendio dei dipendenti del comparto difesa e sicurezza operanti in Italia è più basso rispetto agli altri Paesi d’Europa.

Qui approfondiremo questo tema facendo un confronto tra l’attuale stipendio delle Forze Armate in Italia e in Europa, così da capire se i nostri militari sono realmente poco tutelati dal punto di vista economico.

Stipendi Forze Armate e di Polizia in Italia

Di seguito trovate una tabella con tutti, o quasi, gli stipendi delle professioni militari.Ricordiamo che l’attuale retribuzione è il risultato di un blocco contrattuale che dura da 8 anni, al quale sembra si sia arrivati ad una soluzione; entro la fine dell’anno, infatti, ci sarà il rinnovo del contratto per i dipendenti della PA, militari compresi, che dovrebbe portare ad un aumento medio e lordo pari ad 85€ sullo stipendio mensile, più un assegno una tantum di 450€ lordi per gli aumenti non riconosciuti per il 2016 e il 2017. Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento