Costretta a lasciare la sua terra per le continue minacce. Nuova Difesa: «La nostra solidarietà a Lia Staropoli»

«E’ raro al giorno d’oggi trovare una giovane donna e mamma schierata in prima linea nella lotta alle mafie e pronta a difendere Polizia e Carabinieri in una terra difficile come quella calabrese. Lia Staropoli non andava lasciata sola. In Calabria c’è bisogno di gente come lei».

A dichiararlo Patrizia Massimini e Celestino D’Angeli, vertici dell’associazione Nuova Difesa.

«Alla dottoressa Staropoli, vittima di minacce e appostamenti anche durante la gravidanza e costretta a lasciare la sua città a causa di un inspiegabile immobilismo, giunga tutta la nostra solidarietà. Siamo ben consapevoli – concludono – dei muri di gomma che, ancora oggi, ci troviamo davanti quando si parla di ‘ndrangheta».

Roma, 08 giugno 2020

Ufficio Stampa e Comunicazione

Dott.ssa Elena Ricci

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento