Conestà (Mosap): «L’immigrato semina il panico col coltello e indagano il poliziotto. Che vergogna»

«Un immigrato semina il panico con un coltellaccio da cucina, rischia di commettere una strage, ma a risponderne penalmente dovrà essere il poliziotto che ha sparato per mettere fine a quella situazione di pericolo. Benvenuti nell’Italia che tutela il delinquente e ammanetta il poliziotto».

È la dura critica di Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).

«A meno di 24 ore da un altro sconcertante episodio avvenuto a Torre Maura, dove un immigrato sieropositivo ha dato in escandescenze sfasciando tutto, colpendo i poliziotti e sputando verso di loro sangue infetto, la Procura valuta se indagare o meno il collega per via di una non chiara proporzionalità tra minaccia e reazione.

Vi siete mai trovati un energumeno davanti che impugna un coltello, intenzionato a colpirvi? Ecco – tuona Conestà – metterei davanti a questo interrogativo tutti gli pseudo esperti dell’ultim’ora che hanno esordito dicendo che non avrebbero sparato. Ci credo – conclude – forse non sanno nemmeno cosa significhi uscire in strada armati».

Roma, 22 giugno 2021

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento