Primo Maresciallo condannato a risarcire 200mila euro alla Marina Militare

LIVORNO. I soldi spariti dal conto corrente, circa 200 mila euro, erano destinati alle tradizionali feste di fine per gli allievi “Fenice”, iscritti all’Accademia Navale di Livorno nel periodo 2002-2005 e venivano versati via via dagli stessi miliari su un conto corrente.

La brutta sorpresa è arrivata nella primavera del 2005 quando è stato scoperto che quel conto era vuoto. Responsabile degli ammanchi era stato individuato un primo maresciallo : deferito al Tribunale militare di La Spezia e condannato, in via definitiva, con sentenza irrevocabile dell’8 marzo 2006, per il reato di malversazione e truffa, alla pena di anni 1 e mesi 8 di reclusione. Proprio in sede processuale il sottufficiale ha ammesso le proprie responsabilità, per poi giustificare il suo comportamento spiegando di essere affetto da «ludopatia».

A distanza di dieci anni dalla sentenza di primo grado, il 9 novembre scorso la Corte dei Conti ha condannato con sentenza depositata quindici giorni più tardi, il primo maresciallo che si è congedato dalle Forze Armate, a risarcire la pubblica amministrazione per una cifra complessiva di 201.737,52 euro.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento